20 GIUGNO 2016 Termine per la consegna dei prodotti di divulgazione realizzati dagli studenti CLICCA QUI PER LE SITRUZIONI

VIDEO - FOTO- LAVORI PREMIATI ED LDR 2014

NEWS: LISTA DEGLI INCONTRI CON I RICERCATORI A.S.2015-2016

SCUOLE SECONDARIE DI II° GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI I°GRADO

ISCRIZIONI A.S.2015-2016: POTRANNO ESSERE EFFETTUATE SOLO ONLINE AI SEGUENTI LINK

SCUOLE SECONDARIE DI II° GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI I° GRADO

LE ADESIONI AL PROGETTO dovranno essere effettuate ENTRO il 07 Novembre 2015 e saranno accettate fino ad esaurimento dei posti disponibili

"DICCI LA TUA" aiutaci a migliorare la qualità del progetto esprimendo il tuo parere/gradimento delle lezioni cui hai partecipato

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE PER GLI STUDENTI

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI

Il linguaggio della ricerca (LdR) è un progetto promosso da ricercatori dell'Area della Ricerca di Bologna del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), attivi nell'ambito di diverse discipline scientifiche.

Il progetto nasce in collaborazione con le scuole del distretto Bolognese e si articola in più fasi: l'incontro fra ricercatori e studenti, attraverso presentazioni nelle scuole ed esercitazioni presso la sede del CNR di Bologna; l'incontro con gli esperti della divulgazione ed infine, la produzione da parte degli studenti, di materiale divulgativo sugli argomenti trattati. Tale materiale sarà poi l'oggetto del convegno annuale durante il quale veranno premiati i lavori migliori per ogni categoria.

 

LABORATORI DELLA RETE ALTA TECNOLOGIA ADERENTI AL PROGETTO PER L'ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Da quest’anno Il Linguaggio della Ricerca collabora con la Regione Emilia Romagna, che con il suo Por Fesr 2007-2013 - Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale – investe consistenti risorse europee su ricerca, innovazione, energia e valorizzazione del territorio. Per l’edizione 2013-2014 de «Il linguaggio della ricerca», viene offerta la possibilità di incontrare i ricercatori della Rete Alta Tecnologia dell'Emilia-Romagna, realizzata grazie al Por Fesr. La Rete fornisce competenze, strumentazioni e risorse al sistema produttivo ed è costituita da tecnopoli, laboratori di ricerca industriale e centri per l'innovazione.